Il barattolo dei pensieri felici - La Penna Inquieta
18198
post-template-default,single,single-post,postid-18198,single-format-standard,bridge-core-2.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-16.8,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Il barattolo dei pensieri felici

In ogni giorno si può trovare qualcosa di buono. E io credo che lì, in questi frammenti di luce, risieda la vera forza.

Ho 35 anni e di periodi brutti ne ho vissuti diversi anche io, come tutti. Alcuni di questi mi hanno lacerata dentro in un modo che mai avrei immaginato di poter vivere e provare. Ma anche nel buio di certe ore, giorni, lunghi mesi, a riportarmi verso il sereno sono stati loro, i piccoli pensieri felici.

“Per cosa vale la pena sorridere oggi?”: questa è la domanda che tutti dovremmo farci sempre, ogni singolo giorno. E non c’è bisogno di pensare a grandi cose, basta davvero poco: può essere un messaggio divertente ricevuto, il profumo di una torta appena sfornata, una parola gentile arrivata inaspettata, un fiore appena sbocciato da quella pianta sul nostro balcone. Sono piccole cose, che fanno però la differenza.

Qualche tempo fa, una mia cara amica mi parlò di una sua abitudine: ogni giorno appuntava su un foglietto qualcosa di bello che le era accaduto o l’aveva fatta sorridere, poi piegava il foglietto e lo riponeva in un barattolo. Si creava così una dispensa di momenti felici, da cui attingere quando la vita avrebbe fatto la faccia da dura. Ho sempre pensato che fosse una bellissima idea.

In questi giorni ho scelto anche io di iniziare il mio Barattolo dei Pensieri Felici, la mia riserva di positività per il futuro. E sapete cosa? Penso che tutti dovremmo farlo. Penso che tutti dovremmo allenarci a vedere la bellezza delle piccole cose nelle nostre vite. Perché sono proprio queste piccole cose, spesso ignorate per fretta o distrazione, a rivelarci l’essenza più pura di quello che siamo.

No Comments

Post A Comment