Diritti e rovesci Archivi - La Penna Inquieta
11
archive,category,category-diritti-rovesci,category-11,bridge-core-2.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-16.8,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive
Trasformare i limiti in opportunità: è questa la missione quotidiana di Danilo Ragona e Luca Paiardi, due ragazzi che percorrono l’Italia a bordo delle loro carrozzine con il progetto Viaggio Italia 2017, tra avventure, sport e divertimento.

Il diritto per la persona non vedente di accedere a qualsiasi esercizio aperto al pubblico con il proprio cane guida è sancita per legge, eppure in molti sembrano ignorarlo. La testimonianza di Ada Ammirati.

Approvata alla Camera la legge sul Dopo di Noi, per garantire una tutela alle persone disabili gravi anche dopo la morte dei genitori. Il testo passa ora al Senato

Al di là di brevi pensieri in difesa della libertà di stampa e di espressione lasciati sui miei social network, ho aspettato a scrivere qualcosa di più articolato riguardo a ciò che sta succedendo in questi giorni. La paura e lo sconvolgimento per qualcosa di inaspettato non sono amiche della lucidità

“La parola è un essere vivente”, scriveva Victor Hugo in Les Contemplations. Ho sempre pensato che avesse ragione. Quanti mondi diversi e schemi di pensiero formano, nella mente di chi le legge o le ascolta, quelle lettere unite le une alle altre da secoli di storia. Parole scritte, parole pronunciate, parole accennate. E, purtroppo, anche parole sbagliate

Dimissioni immediate del segretario della Federazione nazionale della stampa, Franco Siddi e di tutti i componenti della giunta esecutiva Fnsi. Lo chiedono i giornalisti e le giornaliste riuniti davanti alla sede della Federazione durante la manifestazione #StopFnsi contro l’accordo sul lavoro autonomo - ribattezzato“iniquo compenso”

L’ennesimo barcone avvistato al largo di Lampedusa. Le storie di disperazione lasciate al di là del mare, insieme a un enorme pezzo di cuore. Il sovraffollamento dei centri di prima accoglienza. Un po’ mi portavo dietro questa immagine la prima volta che sono entrata in quel palazzo dell’Ama, a Roma Sud. Ma una volta arrivata nelle stanze dei laboratori, è immediatamente scomparsa dalla mia mente.